Kinesfera sei anche tu

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Essere socio significa poter partecipare agli eventi organizzati da Kinesfera ma anche poter condividere idee e progetti da realizzare in collaborazione. La tessera Kinesfera offre anche agevolazioni sull’acquisto di libri, programmi didattici o altri prodotti convenzionati. Inoltre, i soci che desiderano condividere e avere maggiore visibilità, possono proporre articoli, video, link o altro materiale interessante da pubblicare nel nostro blog. altro >>

Vai al Calendario 2016 delle iniziative in programma.

Gli eventi in benefit del Progetto IoTuNoi 2015

Gli eventi in benefit del Progetto IoTuNoi 2015

Conosci Kinesfera

Logo kinesfera senza scritta - faviconKinesfera è  un’associazione senza scopo di lucro dedicata a promuovere progetti e attività che facilitano e sostengono lo sviluppo della consapevolezza, individuale e collettiva, e l’integrazione di ogni diversità. Ci siamo costituiti il 30 dicembre 2013 e in una prima fase abbiamo rivolto le nostre energie all’interno dell’associazione stessa, prendendoci cura dei rapporti e della comunicazione tra le persone da cui Kinesfera ha preso avvio e si è formata. I nostri Soci provengono da vari ambiti: l’educazione somatica, lo studio del movimento, le arti, la cura, l’impegno sociale, e più in generale, discipline e pratiche centrate sull’integrazione e sul benessere psicofisico della persona e delle comunità. Sosteniamo e promuoviamo, pertanto, attività formative, workshop ed eventi attraverso cui condividiamo la nostra visione di sviluppo della consapevolezza e includiamo saperi, esperienze e prospettive diverse, creando forme di dialogo, scambio e collaborazione.altro>>

FESTA LAB

FESTA LAB 

9 aprile – ore 15,30

Invitiamo tutti, grandi e piccini, Festa-Lab-ok-rid

a festeggiare con noi la conclusione dei laboratori di ARTigianato

al Supercinema di Tuscania.

Clicca qui per info dettagliate

Creiamo insieme il Natale!

sposarsi-a-natale-fiori-e-pigne

Il 29 novembre e l’8 dicembre 2015 il Supercinema di Tuscania ha ospitato l’evento “Creiamo insieme il Natale!” a cui ha partecipato un folto pubblico di bambini e adulti.
 I fondi raccolti grazie alle donazioni dei partecipanti vanno alla realizzazione di un audiovisivo di documentazione del Progetto IoTuNoi, tra cura e creatività, per imparare insieme dall’autismo

Durante le due giornate di “Creiamo insieme il Natale!”, sono stati presentati dei laboratori di artigianato e i partecipanti, grandi e piccoli, hanno potuto sperimentare la lavorazione di diversi materiali: macramè, cartapesta, costruzione di mobiles, taglia e cuci e decorazioni con la pasta di zucchero.

Organizzati e promossi dall’Associazione Kinesfera, i laboratori saranno riproposti da gennaio ad aprile 2016. Per informazioni, contattare Martina a staff@kinesfera.it o al numero 3272006614.

 

Il Dono di Babette

12196131_554628101359098_1000163671570032672_n12 dicembre, ore 20:30
13 dicembre, ore 16:30
Uno studio con le parole di Karen Blixen e le musiche di Evard Grieg per raccontare la straordinaria storia di Babette, profuga francese in Norvegia.
Con Laura Mazzi 
Sebastiano Brusco al pianoforte
A cura di
Alessandro Fabrizi
Abbiamo chiesto ad Alessandro Fabrizi di raccontarci qualcosa del suo lavoro.

Kinesfera-  Alessandro, come nasce la tua collaborazione con Laura Mazzi?

Alessandro-  Conosco Laura da molti anni, più di venti ormai… Ci siamo incontrati in un momento iniziale delle nostre storie di teatranti e per molti tratti di strada siamo cresciuti insieme. Abbiamo esplorato testi e territori molto diversi tra loro ma posso dire di aver trovato in lei complicità e comunione di curiosità in una mia passione: quella cioè di render viva la voce del testo narrativo, di scovare le voci che si annidano nel racconto. Questo “work in progress” con la Babette di Karen Blixen è al momento sostanzialmente questo, un’ipotesi di “lettura” di un racconto che abbia poco di letto e molto di pensato, immaginato… Vivo, insomma.

K-  Come si sta sviluppando il pezzo?

A-  La struttura di questa performance – che non credo si possa effettivamente chiamare uno “spettacolo” – è molto semplice. Laura è nello spazio insieme ad un pianista e ci guarda in faccia (a noi del pubblico) e ci racconta questa favola morale, questa storia al tempo stesso semplicissima e piena di sfaccettature. Non mi stanco mai di ascoltarla perché è un capolavoro da cui saltan fuori continuamente nuove immagini e nuovi temi: la condizione di profugo, lo scontro fra culture, e credi, la necessità di creare che ha l’artista, il suo bisogno di dare piacere, il legame che l’artista ambiguamente crea con i suoi stessi nemici, l’amore vissuto in assoluta pienezza pur senza essere mai consumato, cosa è possibile e cosa non è possibile a questo mondo…

K-  Anche con Sebastiano Brusco lavori da tempo?

A-  No, l’incontro con Sebastiano è più recente, ma è in parte grazie alle sue sollecitazioni che ho ripescato Babette (un racconto che leggo due volte l’anno da vent’anni) e gliel’ho proposto per un duo, voce e piano. Lui ha suggerito di ascoltarci un po’ di Grieg e in Grieg effettivamente abbiamo trovato la musica di questa storia, dei paesaggi interiori ed esteriori che emana, che evoca.

Informazioni: staff@kinesfera.it  – 327.2006614 (Martina)